ABOUT ME

Sono nata il giorno di Pasqua, e c'era il sole. Dev'essere per quello che sono cresciuta tranquilla. Almeno così dicono, perché, nonostante l'apparenza, tutto ero tranne che posata. Da bambina avevo sempre l'esigenza di partire. Mi sembrava che il fischio del treno che passava sulla ferrovia in lontananza avesse il sapore delle occasioni perse. Fissavo a lungo gli aerei in volo e mi chiedevo chi ci fosse sopra e dove stesse andando. Ero curiosa dei viaggi delle persone, specialmente di quelli che non si vedono con gli occhi. Osservavo la gente e, appena potevo, mi rintanavo sotto la scrivania della mia cameretta a divorare storie con le spalle attaccate al termosifone. Capivo già allora che il tempo che abbiamo a disposizione è limitato, e volevo che nemmeno un giorno andasse perduto. Così, a ventitre anni, decisi di sfidare me stessa e il modo in cui di solito vanno le cose provando a vivere di scrittura. Creare storie era la mia avventura. E in questo viaggio, che ne contiene dentro infiniti altri, ho perso la via del ritorno.